visualizzare il contenuto principale

Iniziative sostenute dalla Radio

Nel duomo di Bressanone/Brixen - Italy il vescovo Ivo Muser ha celebrato oggi (26 aprile) la festa dei patroni diocesani san Cassiano e san Vigilio. Causa emergenza virus, è stata una messa a porte chiuse e senza la tradizionale processione in città, come non accadeva dal 1945. Cassiano e Vigilio simboleggiano la storia della fede nella nostra terra, ha detto il vescovo, “e adesso tocca a noi: oggi la trasmissione della fede è affidata alla nostra responsabilità. Trasmettere la fede significa rendere un servizio alla convivenza fondata sui valori.“

Pensiero per Don Salvatore Tonini

Potete ascoltare il ricordo di don paolo Zuliani, andato in onda  su RSF inBlu giovedì 19 marzo prima del S. Rosario.

Lutto nel clero altoatesino e trentino per la scomparsa a 84 anni di don Salvatore Tonini, spirato la sera del 19 marzo all’ospedale di Bolzano dove era ricoverato per il Covid-19 coronavirus. Don Tonini, nativo di Storo, fu prima cooperatore a Bolzano e per 19 anni parroco a Sinigo. Sarà sepolto a Storo.

Nato nel giugno 1936 a Storo in Trentino, don Salvatore Tonini fu ordinato sacerdote a Trento nel 1962. Dopo i primi anni di sacerdozio trascorsi in Trentino, la sua attività pastorale nella diocesi di Bolzano-Bressanone lo ha visto dal 1980 cooperatore a Bolzano: a Gries per i primi 8 anni e dal 1988 al 1995 a Don Bosco. Nel 1995 don Tonini è stato nominato parroco a Sinigo, dove è rimasto 19 anni. Nel 2014, per raggiunti limiti di età aveva lasciato la parrocchia di Sinigo per trasferirsi a Bolzano, dove ha continuato come sacerdote ad operare in aiuto di diverse parrocchie, tra cui Pio X. Don Salvatore sarà sepolto a Storo, suo paese nativo.

Giulia e il Lupo

Martedì 3 marzo alle 19.30 nel Centro pastorale Bolzano si è svolta la presentazione dell‘edizione tedesca del libro “Giulia e il lupo“, che nel 2016 ha raccontato la storia di un abuso sessuale nella Chiesa, primo caso italiano messo nero su bianco, era presente l’autrice, la giornalista milanese Luisa Bove.
Dopo il saluto del vicario generale Eugen Runggaldier e della casa editrice Tyrolia, spazio al dialogo tra l’autrice Luisa Bove e Gottfried Ugolini, responsabile del Servizio specialistico diocesano per la prevenzione di abusi sui minori e altre forme di violenza.
Giulia è il nome di fantasia della ragazza di Milano vittima del lupo, un sacerdote che era la sua guida spirituale. È una vicenda che solo più di trent’anni dopo Giulia ha trovato la forza di raccontare a Luisa Bove, giornalista milanese. È stato il primo racconto di questo tipo in Italia.

Il custode di Terrasanta, il trentino Francesco Patton a Bolzano

Mercoledì 12 febbraio, padre Francesco Patton è stato ospite dell’Istituto di scienze religiose. Il padre francescano ha tenuto una conferenza pubblica sul tema "Vivere oggi da cristiani nella terra di Gesù". 
Ha introdotto l’incontro-dibattito don Paolo Renner, direttore dell’ISR e vicedirettore di RSF inBlu.
Padre Patton guida dal 2016 a Gerusalemme la Custodia di Terrasanta, provincia dell’Ordine dei frati francescani che comprende Israele, Palestina, Siria, Giordania, Libano, Cipro, Rodi e Egitto.

Incontro con i giornalisti nella memoria di S. Francesco di Sales

Gli inviti a fare formazione con l’informazione e ad amplificare il bene raccontando anche le buone notizie sono stati rivolti ven 24 gennaio dal vescovo Ivo Muser nel tradizionale incontro a Bolzano con gli operatori della comunicazione, dedicato quest’anno al rapporto tra giornalismo, storia e memoria.

Prendendo spunto dal tema scelto dal Papa per questa Giornata, il vescovo ha rivolto due auguri per il 2020 agli operatori della comunicazione. Il primo riguarda il compito dei giornalisti “nell‘aiutare la comunità a conoscere la propria storia e quindi a conoscersi meglio. Vi auguro allora di essere sempre persone che fanno formazione attraverso l’informazione.“ Il secondo augurio: “Fate il vostro mestiere con passione e condividete con la società i buoni risultati del vostro lavoro. Cercate di essere giornalisti più amati che temuti, perchè potete fare molto per la pacifica convivenza e la coesione sociale.“

Alla celebrazione della Parola è seguita una tavola rotonda sul rapporto tra giornalismo, storia e memoria: il vescovo Ivo Muser e i direttori dei due quotidiani locali che dal secondo dopoguerra hanno raccontato lo sviluppo della convivenza tra i gruppi linguistici, Alberto Faustini per l‘Alto Adige eToni Ebner per il Dolomiten, hanno risposto alle domande del caporedattore dell’ANSA regionale Stefan Wallisch.
Continua a leggere qui...

Convegno: Smascherare ed elaborare - abuso sessuale nella Chiesa: dal silenzio alla responsabilità

Convegno svoltosi il 22 ottobre a Bolzano, a cura del Servizio specialistico della Diocesi di Bolzano - Bressanone.
In primo piano le eperienze in Italia, Austria, Bavaria e le nuove linee guida della CEI.

Relatori: Waltraud Klasnic, Garante, Gregor Beilhack e Robert Köhler e Anna Deodato

Qui potete ascoltare l'intervento della dott.ssa Anna Deodato, membro del Consiglio di presidenza del Servizio nazionale tutela minori della Conferenza episcopale italiana

Il dono della profezia da dom Helder Camara a Papa Francesco

Lo Studio Teologico Accademico e l'Istituto di Scienze Religiose in collaborazione con l'Ufficio Cultura della diocesi di Bolzano - Bressanone hanno organizzato un incontro pubblico con il teologo P. Marcelo Barros, moderatore don Paolo Renner

Marcelo Barros, benedettino brasiliano, eco- eologo della liberazione, biblista e scittore. Ordinato sacerdote nel 1969 dall'arcivescovo dei poveri, dom Helder Camara, di cui diviene stretto collaboratore della pastorale giovanile e l'ecumenismo.
L'incontro si è svolto martedì 1 ottobre  presso il centro pastorale in piazza duomo 2 a Bolzano

Convegno pastorale 2019

Presentate le linee programmatiche del nuovo anno pastorale da mons. Ivo Muser
“Non confondiamo la comunità con la community”. Questo l’appello del vescovo Ivo Muser, durante il convegno tenutosi all'Istituto Vescovile Vinzentinum a Bressanone,
Sono state presentate le linee programmatiche del nuovo anno pastorale “Sulla tua Parola: credere, comprendere, vivere insieme”.
Qui potete ascoltare/scaricare l'intervento di Floriana Gavazzi, capo servizio Rai Alto Adige e  di Luigi "Gigio" Rancilio, giornalista responsabile dei social di Avvenire.

Ordinazione episcopale di Michele Tomasi

L’ordinazione a vescovo del bolzanino don Michele Tomasi, si è svolta sabato 14 settembre alle ore 12.00 nel duomo di Bressanone.
La nomina di Tomasi, ex vicario episcopale per il clero della diocesi bolzanina, è dello scorso 6 luglio.
Tomasi è stato ordinato dal vescovo diocesano Ivo Muser come consacratore principale, accompagnato dall’arcivescovo di Trento Lauro Tisi, dal Vescovo emerito di Treviso, Gianfranco Gardin, predecessore di Tomasi e con la presenza del patriarca di Venezia, Francesco Moraglia.
Il nuovo Vescovo farà il suo ingresso nella diocesi di Treviso il pomeriggio di domenica 6 ottobre.

Qui potete ascoltare/scaricare l'audio integrale della cerimonia, trasmessa da RSF inBlu

10 anni Dolomiti UNESCO

Dolomites UNESCO Fest nell’anno del decennale fa tappa a San Vigilio di Marebbe in Alto Adige. L’appuntamento è stato il giorno 29 giugno. Il Dolomites UNESCO Fest è stata la festa delle Dolomiti Patrimonio Mondiale: un’occasione unica per conoscere il patrimonio naturale con le sue particolarità, la sua popolazione ed i suoi modi di vivere.

Massimo Cacciari - Dante e l'umanesimo

La città di Bolzano ha ospitato recentemente il filosofo Massimo Cacciari per una conferenza che si è svolta il 24 maggio presso il Centro Pastorale.  
Invitato dalla Società Dante Alighieri in occasione del proprio centenario,  in collaborazione con l’Istituto superiore di scienze religiose di BZ e lo Studio Teologico accademico di Bressanone, Cacciari ha parlato, alla presenza di un pubblico numeroso, di Dante Alighieri e del suo rapporto con il periodo culturale dell'Umanesimo, evidenziando in modo particolare quanto il grande Poeta dice al nostro tempo. 

Il tema della Conferenza – dal titolo “Dante e l'Umanesimo” - 
fa riferimento all'ultimo libro di Cacciari: “La mente inquieta - Saggio sull’Umanesimo”, edito da Einaudi.